Albo Pretorio:
  • Orario C.R.M. ... Leggi tutto

  • Ordinanza del Sindaco n. 58 dd. 15.07.2016... Leggi tutto

  • Avviso di disponibilita' per un posto di assistente amminsitrativo Comune di Bresimo... Leggi tutto

  • Avviso pubblico di vendita a trattativa privata DELL'ALLOGGIO SITO A TIONE DI TRENTO VIA FABBRICA 1A7... Leggi tutto

Servizio di vigilanza boschiva

Il Servizio di vigilanza boschiva è garantito attraverso la gestione associata tra i Comuni di Tione di Trento, Sella Giudicarie, Borgo Lares, Tre Ville, la Comunità delle Regole di Spinale e Manez e l'Asuc di Saone, ai sensi della L.P. 23 maggio 2007, n. 11 e ss.mm.

Il Servizio di vigilanza boschiva, detto anche servizio di custodia forestale, viene svolto dai Custodi Forestali principalmente secondo quanto impartito dal Servizio Foreste della P.A.T. - Ufficio Distrettuale Forestale di Tione di Trento, oltre che per le esigenze di ogni singola Amministrazione associata.

 

I Custodi Forestali attualmente in servizio, e le loro rispettive zone di competenza, sono i seguenti:

 

  • ZONA A - sig. Ausilio Mussi (320 0938367): Lardaro I - Lardaro II - Roncone - Quota Praso - Bondo
  • ZONA B - sig. Mario Salvaterra (328 4117041): Tione I - Breguzzo II
  • ZONA C - sig. Alessandro Marchetti (329 9483661): Bolbeno - Zuclo I - Zuclo II - Breguzzo I - Tione II
  • ZONA D - sig. Rolando Serafini (329 9758401): Montagne - Preore - Ragoli I - Regole Spinale Manez - Saone

 

I custodi forestali hanno l'obbligo di contribuire ad assicurare un regolare svolgimento del servizio nell'ambito della zona di custodia a loro affidata.

Mantengono i necessari rapporti di collegamento e di collaborazione con i rappresentanti degli Enti Associati e dell'Autorità forestale, nonché, per la parte di loro competenza, con gli utenti e con i proprietari dei beni silvo pastorali.

I compiti che i custodi forestali devono assolvere sono:

  • acquisire dettagliata conoscenza del territorio, con particolare riferimento agli elementi naturali che lo caratterizzano, alla relativa toponomastica, nonché alla viabilità ed ai confini amministrativi e di proprietà degli Enti associati;
  • applicare le leggi ed i regolamenti in materia forestale nonché le leggi sulla caccia, sulla pesca  e sulla protezione della natura e dell'ambiente naturale;
  • dare esecuzione alle disposizioni impartite dall'Autorità forestale;
  • disimpegnare con diligenza e scrupolosità il servizio di tutela su tutto il territorio della circoscrizione di custodia ed in particolare della zona a loro affidata e specificatamente;
  • vigilare assiduamente sull'osservanza delle leggi e dei regolamenti foresatli e sulle leggi per la protezione della natura e dell'ambiente naturale;
  • provvedere alla vigilanza ed alla custodia dei patrimoni silvo-pastorali di proprietà degli Enti associati e delle attrezzature ad essa pertinenti;
  • vigilare che i conduttori delle malghe osservino le norme contrattuali ed il relativo capitolato;
  • controllare l'osservaza, da parte degli aventi diritto, delle norme che regolano l'esercizio degli usi civici;
  • tenere diligentemente registrazione di tutti i prodotti boschivi assegnati sulla proprietà dell'Ente e procedere alla relativa misurazione. Nel caso di lotti boschivi, costituiti da piante in piedi o schianti, alienati a terzi ad uso commercio, la misurazione dovrà essere effettuata, congiuntamente ad altro custode forestale, per la tenuta di piedi lista di misurazione, secondo le modalità previste dal capitolato d'oneri per la vendita e l'utilizzo dei prodotti legnosi, approvato dalla Giunta Provinciale;
  • sorvegliare lo stato di efficienza delle attrezzature e delle infrastrutture al servizio di boschi e dei pascoli appartenenti agli Enti associati: in particolare la viabilità di servizio, le teleferiche, i fabbricati, i rifugi, le malghe, le chiudende, le attrezzature tecniche e meccaniche forestali, ecc. denunciando prontamente eventuali danni e manomissioni riscontrati; a tal fine, a richiesta del custode, dovrà essere fornita al medesimo la relativa documentazione scritta (contratti, capitolati, delibere, regolamenti, ecc.);
  • effettuare le prestazioni necessarie alla gestione dei patrimoni silvo-pastorali degli Enti consorziati e più particolarmente: intervenire nelle operazioni di stima per la compilazione dei piani economici e per indagini e studi diretti al miglioramento dei patrimoni silvo-pastorali degli Enti associati e intervenire nelle operazioni di assegno, consegna e collaudo dei lotti boschivi degli Enti associati e sorvegliare che gli stessi vengano utilizzati in conformità delle prescrizioni tecniche e contrattuali;
  • fornire assistenza a tutti i lavori volti alla conservazione e miglioramento dei patrimoni silvo-pastorali degli Enti associati e, in particolare, provvedere personalmente alle prestazioni d'opera necessarie nel pronto intervento e negli interventi elementari per la salvaguardia delle infrastrutture e attrezzature di cui al punto preecdent, provvedere alla segnatura della confinazione esterna e particellare delle proprietà degli Enti e intervenire nell'apprestamento delle infrastrutture complementari, tenendo presente che tale ultima attività non dovrà avere carattere continuativo, ma eccezionale.

Dovranno inoltre, nell'ambito della zona di custodia a loro affidata:

  • prevenire, accertare e segnalare tempestivamente eventuali attacchi parassitari ai soprassuoli forestali, incendi boschivi ed altri eventi calamitosi, prestando anche la propria opera;
  • vigilare sullo stato di conservazione delle opere di sistemazione idraulico-forestali, segnalando gli eventuali danni alla Stazione forestale competente.

Dovranno dare immediata comunicazione alla Stazione forestale di tutte le violazioni delle leggi forestali e di polizia idraulica, delle leggi per la protezione della natura e dell'ambiente naturale, nonché delle leggi sulla caccia e sulla pesca, di cui siano venuti comunque a conoscenza, e provvederanno a fare diretto rapporto all'Autorità giudiziaria di ogni altro reato perseguibile d'ufficio.

Oltre a quanto predetto, dovranno anche segnalare alle Amministrazioni comunali competenti, le nuove costruzioni rilevate, in occasione dell'espletamento del servizio, nei territori vincolati ai sensi del D.L. 30.12.1923, n. 3267, nonché degli insediamenti mobili di tipo residenziale.

ORGANI

del comune Tione di Trento

dettagli

la Giunta

del comune Tione di Trento

dettagli

il Consiglio

del comune Tione di Trento

dettagli

Amministrazione Trasparente dei siti web: contenuti organizzati ad uso del cittadino

urp, / Note legali

Sito certificato secondo i parametri della Bussola della Trasparenza del sito magellanopa.it.